Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:50 METEO:SAN MINIATO20°36°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La music session improvvisata: Bocelli suona il flauto traverso con Will Smith e Ed Sheeran
La music session improvvisata: Bocelli suona il flauto traverso con Will Smith e Ed Sheeran

Attualità venerdì 02 giugno 2023 ore 19:00

Il 2 Giugno in memoria di Banti e Ferradini

Il riconoscimento in memoria di Gaspare Banti

Per le gesta dei due cittadini fucecchiesi durante la seconda guerra mondiale sono state riconosciute due medaglie dal presidente della Repubblica



FUCECCHIO — Nella cerimonia di consegna delle onorificenze conferite dal presidente della Repubblica, in piazza della Signoria a Firenze, sono stati ricordati anche due cittadini fucecchiesi, testimoni diretti : Gaspare Banti e Bruno Ferradini.

Alla memoria di Gaspare Banti, a cui già il Comune di Fucecchio ha conferito nel 2014 un riconoscimento al Valor Civile, è stata consegnata la medaglia di bronzo al Valor Civile. Banti, infatti, salvò oltre 15 persone dalla barbarie nazista nelle ore antecedenti l’Eccidio del Padule del 23 Agosto 1944.

Accortosi di movimenti sospetti da parte dei tedeschi, si adoperò per avvertire compagni e parenti contribuendo così alla loro fuga prima del massacro.

Il riconoscimento in memoria di Bruno Ferradini

Medaglia d’onore ai deportati e internati nei lager nazisti, invece, conferita alla memoria di Bruno Ferradini, uno dei pochi militari che riuscirono a fare ritorno a casa dopo essere stato internato nei campi di prigionia tedeschi. Partito per la leva, fu destinato a Zara nel reparto di artiglieria, e qui venne catturato dopo l’armistizio dell’8 Settembre 1943. Rinchiuso nel campo di Solingen, si salvò facendo il cuoco, attingendo così cibo per sé e per gli altri prigionieri.

Le due onorificenze sono state consegnate dal prefetto di Firenze, Francesca Ferrandino, e dal presidente della Regione Eugenio Giani, durante le celebrazioni per il 77° anniversario della Repubblica alle quali ha preso parte anche il sindaco Alessio Spinelli.

"Due cittadini fucecchiesi coraggiosi che, durante la seconda guerra mondiale e nei giorni delle barbarie nazifasciste, hanno pensato ad aiutare le altre persone prima che a mettere in salvo sé stessi - ha commentato Spinelli - due esempi che devono restare scolpiti nella memoria di tutti i fucecchiesi e che oggi lo Stato ha voluto ricordare consegnando ai loro discendenti un riconoscimento simbolico dall'altissimo valore".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lungo intervento di Alia per rimuovere i rifiuti abbandonati tra i due ponti che attraversano il torrente Vincio e il canale Maestro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca