comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 18° 
Domani 18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
sabato 28 marzo 2020
corriere tv
Coronavirus, il medico dell'ospedale di Bergamo: «Il mio video-appello? Volevo sensibilizzare, nessuno è immune»

Attualità mercoledì 29 gennaio 2020 ore 14:53

A Roma per commemorare le vittime della Shoah

L'assessora Russoniello presente questa mattina alla commemorazione promossa dalla Confederazione delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane



FUCECCHIO — Anche il Comune di Fucecchio era presente alla commemorazione in ricordo delle vittime e dei deportati della strage nazista promossa dalla Confederazione delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane che si è tenuta ieri a Roma, nell'auditorium della Casa Madre del Mutilato di Guerra.

A rappresentare l'amministrazione comunale è stata l'assessora Valentina Russoniello che ha raccolto l'omaggio della Confederazione: Fucecchio, infatti, ha ricevuto una menzione in quanto Comune virtuoso e da anni in prima linea nel tenere vivi il ricordo e la memoria storica delle stragi, con particolare riferimento all'Eccidio del Padule e alle sue 275 vittime.

Alla cerimonia, presieduta da Claudio Betti, presidente della Confederazione delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane, ed alla quale hanno preso parte associazioni, autorità civili e militari e molti studenti, sono intervenuti anche alcuni sopravvissuti alla strage nazista. Tra questi Michele Montano, internato militare e prigioniero politico che trascorse 17 mesi nei lager e 44 giorni nei campi di sterminio, il quale ha raccontato tutti gli orrori vissuti sulla propria pelle:

“Ero prigioniero di guerra col numero 29750 - ha raccontato - nei mesi di prigionia ho attraversato otto campi di lavoro, ho rifiutato con coraggio ogni adesione al nazismo, ero riconosciuto come schiavo di Hitler ma ho continuato a difendere la mia dignità e la mia patria. La mia non è stata una prigionia ma una guerra contro la Germania nazista espressa senza armi ma solo con una parola forte: no".

Presente, tra gli altri, anche Noemi Di Segni, che da luglio 2016 è stata nominata presidente delle Comunità Ebraiche Italiane e che, rivolgendosi in particolare ai tanti giovani presenti, ha affermato: “ognuno ha un dovere, quello di ricordare e andare oltre”.

Un dovere che l'amministrazione comunale continuerà a rispettare, proseguendo nell'impegno di ricordare e promuovere, soprattutto tra i più giovani, la forza della memoria.

“Il 27 gennaio non è una data qualsiasi – commenta l'assessora Russoniello - nel 1945 le truppe dell'Armata Rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. Il 27 gennaio non deve quindi rappresentare solo un giorno come tanti, in cui si tende a condividere un post sui social "in tema" o magari a guardare un bel film che non vedevamo da tempo. La memoria, la cura della memoria, è un'attività quotidiana per non perdere quello che sembra lontano ma che invece per noi e per la nostra città è nel DNA. È stato un onore – conclude - essere citati come esempio per l'educazione alla memoria nelle scuole e per le attività che svolgiamo con i ragazzi”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca