comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 14°21° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Ilaria Capua: «Il virus è qui, dobbiamo stringere ‘la mascherina' fino alla fine dell'inverno»

Politica martedì 29 luglio 2014 ore 11:03

Aree verdi, Iniziativa di Base: "Dove sono le risorse?"

Questa la risposta della destra alla possibile riqualificazione delle zone verdi. Richiesta più sicurezza per i cittadini e meno promesse inutili



CASTELFRANCO — I rappresentanti di Iniziativa di base dicono la sua sulla riqualificazione delle aree verdi annunciata qualche anno fa dall’assessore all’ambiente Federico Grossi a seguito di una petizione di cittadini castelfranchesi. 

"Niente da dire, sicuramente un’iniziativa di tutto rispetto che, se realizzata, porterebbe beneficio ai cittadini ed ai loro amici a quattro zampe.-dicono in una nota gli esponenti di Iniziativa di Base- Se non ci fossero alcuni piccoli dettagli da rivedere: le aree verdi del territorio comunale, quelle destinate alle persone, alle famiglie, ai parchi giochi per i bambini, sono in una situazione di degrado tale da costringere i genitori a portare i propri figli negli spazi dei comuni vicini.

Erba alta, sporcizia, topi e chi più ne ha più ne metta: cittadini che, esasperati, si determinano a tagliare da soli l’erba del parco vicino casa per evitare l’invasione di animali indesiderati.

Un’intera campagna elettorale a dire, di fronte alle critiche dei cittadini su questi temi, che, purtroppo, non c’erano i soldi per risanare la situazione; ci chiediamo, quindi, come farà l’assessore Grossi, in una situazione di bilancio precaria, per usare un eufemismo, a portare avanti il progetto quando non si è riusciti, fino ad oggi, a realizzare un semplice taglio dell’erba.

E ancora cosa hanno intenzione di fare l’assessore Grossi ed il Sindaco Toti per l’inciviltà che regna sovrana negli spazi pubblici comunali? Basti pensare all’Orto di San Matteo con i residenti disperati per gli atti vandalici, gli schiamazzi e i quotidiani episodi di delinquenza.

Da anni gli spazi pubblici, quelli che dovrebbero essere utilizzati dai cittadini castelfranchesi, sono stati abbandonati al degrado, all’inciviltà di persone che pensano di poter vivere al di sopra delle comuni regole, confidando, purtroppo a ragione, nell’assenza di seri controlli e sanzioni.

Viviamo in un Comune in cui ci sono voluti anni per capire che i due pini davanti all’Ospedalino costituivano un pericolo, con infinite discussioni sull’opportunità di rimuovere per intero gli alberi o di tagliarne solo le radici.

In realtà le radici da estirpare sono quelle di una mentalità perbenista che ha permesso il crearsi di queste situazioni, di un’amministrazione disattenta, incapace di ascoltare la voce dei propri cittadini, troppo impegnata ad investire (e sprecare) le risorse pubbliche in progetti di dubbia utilità.

Soltanto ripartendo dai piccoli interventi, riappropriandosi degli spazi comuni ed effettuando seri controlli in coordinamento con le forze dell’ordine, i cittadini, cui tanti sacrifici vengono richiesti quotidianamente, potranno finalmente “vivere” il proprio territorio". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Cronaca