Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:35 METEO:SAN MINIATO16°21°  QuiNews.net
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Iran, la protesta in lacrime di Ahmadi che vive in Italia: «Siate la nostra voce, aiutateci»

Cronaca giovedì 17 aprile 2014 ore 14:30

Tutti uniti per la lotta al gioco d'azzardo

Niente sale da gioco o macchinette vicino ai centri culturali, giovanili e di aggregazione sociale, grazie ad una delibera del comune



FUCECCHIO — Un altro passo avanti nella lotta al gioco d’azzardo lo ha fatto il comune di Fucecchio, per quanto di competenza. Con apposita delibera è stato specificato quali sono il luoghi sensibili entro i quali nel raggio di 500 metri, non è possibile aprire sale da gioco o installare slot in locali già esistenti, dando piena attuazione alla legge regionale n.57 del 2013.

I luoghi sensibili da preservare e tutelare sono gli istituti scolastici, le chiese, le strutture culturali (biblioteche e musei pubblici), i centri giovanili (informagiovani, ciaf, sarello), le strutture sportive ( comunali e private), i centri di aggregazione sociale (sedi di associazioni, circoli ma anche esercizi privati, per i quali sia dichiarata l’adesione e la condivisione esplicita alla battaglia contro la ludopatia).

Quindi tutti i circoli a qualsiasi associazione aderenti, ma anche privati esercizi che sono luoghi di incontro e aggregazione giovanile possono manifestare la propria adesione alla lotta al gioco d’azzardo che in molti stiamo portando avanti da tempo (Libera, Avviso Pubblico, Arci, Acli, Cgil, Cisl ) richiedendo al Comune (ufficio attività produttive) il riconoscimento come luogo sensibile.

Avremo così una mappatura del territorio comunale entro la quale non potranno essere installate nuove sale giochi e macchinette mangia soldi e quelle già autorizzate non potranno installarne altre.

E’ certamente un piccolo passo, che abbiamo potuto fare grazie alla nuova legge regionale, legge che abbiamo fortemente voluto e sollecitato. Ma questo non ci soddisfa ancora: ciò che ancora manca è una chiara legge nazionale che metta ordine in un settore molto discusso per le infiltrazioni criminali e mafiose, promuovendo il gioco consapevole e contrastando il fenomeno ormai dilagante della ludopatia.

Sono quasi 2.000 euro a persona che si spendono ogni anno nelle slot, gratta&vinci, video poker e gioco d’azzardo, fatti di cronaca nera locali e nazionali sono spesso legati a questo fenomeno, le categorie sociali più deboli sono quelle più a rischio, ragazzi, adulti che ripongono nella fortuna le speranze per la risoluzione di problemi non solo economici, ma anche anziani che soffrono di solitudine e sognano un regalo alla famiglia.

Ma il nostro impegno non si limita solo ad imporre divieti ed ostacoli al dilagare del fenomeno, il nostro impegno è rivolto anche alla prevenzione e sensibilizzazione della cittadinanza: stiamo lavorando con le scuole e le associazioni di volontariato per promuovere il gioco sano e consapevole, oltre ad offrire un giusto riconoscimento a tutti quegli esercizi commerciali che ci vogliono affiancare.

Paolo Sordi, consigliere comunale Pd


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sul territorio comunale l'amministrazione ha installato i dispositivi nelle vie di accesso di Montopoli. Capecchi: "Obiettivo di mandato raggiunto"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca