QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 5° 
Domani -6°5° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
venerdì 14 dicembre 2018

Attualità sabato 06 ottobre 2018 ore 14:56

Finanziamenti a fondo perduto per il commercio

L'amministrazione comunale stanzia 60mila euro a sostegno del commercio e del turismo per nuove aperture e riqualificazioni dei locali



FUCECCHIO — Un finanziamento a fondo perduto sarà erogato dal Comune di Fucecchio a coloro che apriranno nuove attività commerciali o che riqualificheranno quelle esistenti sul territorio (o che comunque lo abbiano fatto dopo il 1° gennaio 2018). Da alcuni anni l’amministrazione cerca di sostenere il tessuto commerciale cittadino attraverso questa misura che intende incoraggiare chi ha un progetto o un’idea commerciale o artigianale da poter sviluppare a Fucecchio. 

“La novità più significativa – ha spiegato l’assessora allo sviluppo economico Silvia Tarabugi - è quella di aver inserito tra i possibili destinatari del finanziamento anche le strutture ricettive extra alberghiere del centro storico alto in maniera da incentivare il riutilizzo delle abitazioni sfitte a fini turistici. D’altronde questo bando era nato, prioritariamente, con lo scopo di sostenere le attività del centro storico. Chi ha un’abitazione non utilizzata, con il nostro bando, potrà ricevere un finanziamento per svolgere un’attività di affittacamere non professionale e rappresentare un’ulteriore risorsa in ambito turistico”.

Il bando, che sarà pubblicato la prossima settimana, prevede uno stanziamento di risorse pari a 60mila euro di cui 36 mila destinati alle nuove aperture: di questi il 70 per cento interesserà attività del capoluogo, il restante sarà invece destinato ad attività situate nelle frazioni.

Per quanto riguarda le riqualificazioni, invece, la somma stanziata è di 24mila euro, con la stessa suddivisione 70-30 tra capoluogo e frazioni.

Il bando prevederà una specifica premialità per le attività situate nel centro storico, come già avvenuto anche in passato. A seguire saranno premiate con un punteggio più alto le attività che risultano carenti sul territorio, quelle con caratteristiche innovative, quelle proposte da imprese femminili e quelle proposte da giovani sotto i 40 anni. 

Per quanto riguarda le imprese ammissibili a finanziamento saranno tutte quelle del commercio al dettaglio, della somministrazione di alimenti e bevande e dell’artigianato di servizio alla persona. Da quest’anno, limitatamente al centro storico alto, potranno partecipare al bando anche le strutture ricettive extra alberghiere, compatibili con immobili di civile abitazione, svolte sia in forma imprenditoriale sia sotto forma di attività di affittacamere non professionale. Sono invece escluse le sale giochi e le agenzie di scommesse. 

Come in passato, anche nel bando di quest’anno il Comune ha inserito l’obbligo, per chi apre una nuova attività, di mantenerla in vita almeno per tre anni pena l’obbligo di restituire la sovvenzione ottenuta. 

Per ogni singola attività il finanziamento potrà coprire al massimo il 60 per cento delle spese sostenute e non potrà essere superiore a 6mila euro. 

Le spese ammissibili a finanziamento sono quelle concernenti l’acquisto di beni collegati all’attività, alle opere edilizie e all’efficientamento energetico dei locali.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità