QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 17°30° 
Domani 16°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 17 luglio 2018

Attualità venerdì 06 aprile 2018 ore 17:26

Dalla frutta processi più green per la concia

Il ricercatori dei laboratori Poteco

Conciare le pelli si fa più green grazie a nuovi processi industriali e coloranti eco-compatibili derivanti dal settore agroalimentare



SANTA CROCE SULL'ARNO — Usare scarti alimentari per realizzare coloranti e valorizzare la eco-compatibilità del processo conciario: è la nuova sfida "green" che arriva dal distretto di Santa Croce sull'Arno, obiettivo del progetto di ricerca "Coconat", attivo presso il Polo Tecnologico Conciario.

Scarti di pomodori, cipolle e olive rinascono a nuovi usi. Foglie, bucce, e potature di olivo sono alcuni dei prodotti usati nell’ambito del progetto, insieme a scarti dell’industria conserviera e ortofrutticola, come residui di pomodori, cipolle e melograni. 

"L’idea alla base del progetto Coconat - ha spiegato il direttore Poteco, Domenico Castiello - è quella di usare risorse destinate a smaltimento come substrato di partenza per sviluppare coloranti e concianti innovativi ed ecologici: il progetto prevede l’uso di concianti a base di polifenoli estratti da matrici di scarto dell’industria agroalimentare in sostituzione di concianti a base di sali metallici e verifica l’utilizzo di coloranti naturali organici ricavati da quegli stessi scarti". 

Tra i risultati attesi del progetto vi sono la riduzione di più del 50% del costo dei concianti polifenolici e coloranti, la riduzione di circa il 20% dei costi di smaltimento da parte dell’azienda conciaria e di circa il 30% del quantitativo dei fanghi da depurare. "I prodotti ottenuti dalle matrici di scarto agroalimentare - ha sottolineato in proposito Castiello - consentiranno di realizzare manufatti ipoallergenici e biodegradabili senza perdere in qualità e performance del prodotto finito concorrendo a ridurre l’impatto ambientale del ciclo di produzione delle pelli".

Numerosi i soggetti coinvolti nel progetto in rappresentanza dell’intera filiera del conciario in collaborazione con qualificati organismi di ricerca con l’obiettivo di fondere conoscenze diverse e affrontare al meglio i diversi aspetti di processo: promosso nell’ambito del Programma Operativo Regionale Toscana Fesr 2014-2020/ Bando Progetti Strategici Ricerca e Sviluppo, il Coconat ha, tra i suoi partner Conceria Lufran (capofila), Italven Conceria, Klf Tecnokimica, Tecno srl, Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell'Università di Pisa, Consorzio Polo Tecnologico Magona ed Everest srl.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca