QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 12°15° 
Domani 21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
mercoledì 25 aprile 2018

Attualità giovedì 12 aprile 2018 ore 16:21

Dal Miur 95mila euro per aiutare le famiglie

Rossi e Gabbanini
Rossi e Gabbanini

I contributi servono per agevolare i nuclei famigliari con tariffe e iscrizioni. Gabbanini e Rossi: “Garanzia di avere un maggior accesso ai servizi”



SAN MINIATO — Assegnati dalla Regione Toscana oltre 95mila euro al Comune di San Miniato, finanziamenti provenienti dal MIUR (“Buona scuola”) e destinati al nuovo sistema integrato di istruzione da 0 a 6 anni. 

“Si tratta di un importo vincolato dalla Regione al sostegno della domanda e dell’offerta dei servizi per la prima infanzia e delle scuole di infanzia – hanno spiegato il sindaco Vittorio Gabbanini e l'assessore alla scuola Chiara Rossi -. Il Ministero ha stanziato complessivamente 209 milioni di euro che sono poi stati ripartiti tra le Regioni secondo alcune percentuali: per il 40% in proporzione alla popolazione di età 0-6 anni, in base ai dati Istat, per il 50% in proporzione alla percentuale di iscritti ai servizi educativi al 31 dicembre 2015 e per il 10% in proporzione alla popolazione di età 3-6 anni, non iscritta alla scuola dell'infanzia statale, in modo da garantire un accesso maggiore”. Da qui la Regione Toscana ha assegnato oltre 95mila euro al Comune di San Miniato, soldi che la Giunta ha deciso di investire in azioni differenziate relative all'anno educativo 2018/2019.

“Abbiamo scelto di sostenere i servizi per la prima infanzia (0-3 anni) presenti sul territorio di riferimento attivando ulteriori 10 posti all'asilo nido accreditato 'Pollicino' e attraverso l'abbattimento del 25% della retta per tutte le famiglie che utilizzano i servizi per la prima infanzia, nel periodo settembre-dicembre 2018 – spiegano i due amministratori -. L'altro impegno che ci siamo presi è quello di sostenere i servizi offerti dalla scuola dell'infanzia (3-6 anni), prevedendo un contributo alle scuole private paritarie del territorio comunale, in modo da poter applicare una riduzione della retta alle famiglie frequentanti (sempre nel periodo settembre-dicembre 2018) – e concludono -. Sulla base delle indicazioni previste dalla Regione, l'amministrazione comunale ha deciso di ripartire l'utilizzo di queste risorse nel periodo settembre-dicembre 2018 in modo da garantire un più alto livello di accesso ai servizi per l’anno educativo 2018/19 e dare maggiore possibilità alle famiglie di presentare la domanda”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Spettacoli