QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi -2°8° 
Domani -1°11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 18 gennaio 2018

Attualità lunedì 18 dicembre 2017 ore 12:52

La dialisi in moduli esterni attrezzati

Dopo l'incontro con i sindacati la Usl Toscana Centro si è impegnata a migliorare il reparto, visti anche i tempi lunghi per il trasferimento a Empoli



SAN MINIATO — Dopo la recente denuncia della Fp Cgil Usl Toscana Centro circa le indecorose condizioni ambientali e la mancanza dei livelli minimi di sicurezza in cui sono costretti a curarsi gli utenti e a operare i lavoratori della dialisi del presidio ospedaliero sanminiatese, l'Azienda sanitaria ha incontrato i sindacati, su richiesta di Cgil e Cisl. 

Nell'occasione è stato annunciato lo stanziamento di un pacchetto di 520 ore circa di produttività aggiuntiva per compensare, almeno in parte, il personale infermieristico del disagio di dover rientrare nel loro giorno libero per trattare i pazienti che non trovano posto nelle sedute dei giorni feriali. E’ stato inoltre annunciato ufficialmente dall’Azienda che, per ovviare all’attuale sovraffollamento dei posti poltrona per il trattamento dei pazienti dializzati, saranno allestiti moderni e attrezzati moduli mobili esterni per ospitare non meno di 6 poltrone, con lo scopo di ripristinare le normali condizioni di vivibilità e sicurezza per gli utenti e di operatività per i lavoratori all’interno dei vecchi locali. 

Si attende ora il parere del Consiglio comunale e della Soprintendenza, presso la quale l’Azienda riferisce di aver depositato dal 7 dicembre scorso le necessarie richieste di autorizzazione per l’istallazione dei moduli esterni.

A seugito dell'incontro il delegato Rsu e responsabile della Fp Cgil della zona Empolese Val d’Elsa, Simone Baldacci, ha commentato: “L’Azienda ha anche confermato che il previsto trasferimento della Dialisi al blocco H di via Boccaccio ad Empoli non avverrà prima di quattro anni a causa di problematiche contrattuali legate all’appalto dei lavori, rendendosi disponibile ad attivare anche un terzo turno di lavoro, previo un aumento del numero di infermieri e medici, con l’obiettivo di permettere ai lavoratori e agli utenti di non essere costretti a lavorare e a curarsi nei giorni festivi, sempre se, come sperato, Comune e Belle arti autorizzino in maniera celere l’istallazione dei moduli esterni”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Sport

Attualità