QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 19°27° 
Domani 24°35° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
giovedì 30 giugno 2016

Attualità martedì 21 ottobre 2014 ore 10:00

Cia: "Olio pisano con il contagocce"

Settore olivicolo in crisi. Aziende in ginocchio. Una perdita di 8 milioni di euro. Il 60 per cento delle aziende non procede alla raccolta

PROVINCIA PISA — Anche le ultime piogge hanno aggravato quel che era già gravissimo. La crisi del settore olivicolo ha superato anche i numeri drammatici censiti una decine di giorni fa: la produzione ha raggiunto - 80%, 8 milioni di euro di entrate perse per le aziende agricole, la maggior parte dei frantoi che non raggiungono i livelli di produzione necessari alla stessa sussistenza degli impianti, l'80 % dei contratti a termine (mediamente 400) per la raccolta che non sono partiti. 

"L'olio pisano si conterà con il contagocce, sarà un prodotto di fatto non presente sul mercato. Le aziende ad esclusiva vocazione olivicola sono in ginocchio - spiega Massimo Terreni, direttore dell'Unione Agricoltori della Provincia di Pisa - e sul nostro territorio ce ne sono molte". Il settore qui ha numeri importanti. Si parla mediamente di 96mila quintali di olive e circa 5mila aziende tra grandi e piccolissime interessate al settore. 

La stagione è stata caratterizzata da un andamento climatico anomalo che ha comportato ripercussioni fortemente negative sull’equilibrio degli impianti olivicoli che hanno subito micidiali attacchi di mosca. "Ci sono decine e decine di aziende in ginocchio. Le aziende risentiranno pesantemente di questa situazione - dice Stefano Berti, direttore Cia Pisa - perchè non avranno l'olio ma le spese restano: mutui, contributi previdenziali, costi di bruocrazia. La produzione dell'olio biologico sarà ridotta al lumicino. Forse sotto il 10%". Il 60 % delle aziende agricole non procede neppure alla raccolta". 

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cultura