QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 22°34° 
Domani 20°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
domenica 26 giugno 2016

Attualità martedì 05 gennaio 2016 ore 15:00

Marti e i cento presepi sulla via

C'è tempo fino alla prossima domenica per visitare le piccole opere fatte a mano allestite nei giardini, sotto le scale e sui davanzali delle case

MONTOPOLI — Un censimento definitivo è difficile da fare, ma dovrebbero essere circa un centinaio. Stiamo parlando dei Presepi sulla via in mostra fino a domenica 10 gennaio lungo le strade, nelle nicchie, sotto le scale, nei giardini della piccola frazione di Marti.

Un allestimento, frutto dell’impegno degli abitanti, promosso da Martinfiera che ha scelto di aderire alla grande rassegna toscana delle "Terre di presepi”.

“Certamente quest’anno a Marti, è stato un Natale diverso – ha commentato la presidente di Martinfiera Anna Fiaschi -, i paesani e chi è venuto nel nostro piccolo borgo per salutare parenti e amici o trascorrere con loro alcuni momenti di festa, si è trovato davanti un ambiente più vicino alla tradizione, più luminoso, più bello. Stelle e luci e tanti presepi adornato finestre, porte, muretti e piazze. Dai 70 censiti a metà dicembre siamo arrivati a 100, alcuni in strade secondarie e periferiche, ma non per questo meno degni di visita. Abbiano anche notato persone e famiglie non del paese che si sono interessate a questa nostra iniziativa. Non abbiamo certo la pretesa di confrontarci con altre realtà che fanno da anni iniziative simili. Per noi - ha raccontato Fiaschi - è stata la prima volta e dunque abbiamo tutto da imparare, ma siamo molto soddisfatti come associazione che ha promosso l’iniziativa e orgogliosi dell’entusiasmo con cui hanno risposto i nostri paesani. Speriamo di continuare e migliorare perché questi eventi servono ad unire di più le persone, a liberare il loro senso artistico e la fantasia, a sentirsi veramente parte dell’ambiente in cui vivono. Penso anche che così si rafforzano i valori di pace, cultura, solidarietà e collaborazione. La Natività ha sì significato religioso, ma insegna a tutti il valore da dare alla persona, alla famiglia, alla vita. Presepi sulle piazze o nelle nicchie, sui davanzali o nelle aiuole, in oggetti insoliti come una lanterna, sullo scaldaletto di legno, nelle damigiane, nel baule, nell'armadio, incastonati in vasi di terracotta. Tutti insieme i presepi dimostrano la creatività nascosta che c'è in noi - ha concluso -, e la buona volontà di mettere in comune le cose che sappiamo fare".

“Nonostante sia stata un’iniziativa messa su in pochi giorni - ha aggiunto Sonia Terreni - la partecipazione è stata grande e direi quasi che si è trattato di entusiasmo”. 

“Chi si aspettava un entusiasmo così - ha ribadito Rosetta Alaimo -. abbiamo visto una vera e propria mobilitazione in paese. Anche persone non più giovani, che non facevano il presepe da anni, sono andate a cercare le statuine in soffitta e si sono dati da fare. C'è stato un sentimento di condivisione, come se si fosse trattato di allestire un solo presepe collettivo”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Sport

Attualità