QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
SAN MINIATO
Oggi 18°27° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News cuoio, Cronaca, Sport, Notizie Locali cuoio
martedì 28 giugno 2016

Politica giovedì 04 febbraio 2016 ore 13:45

Gender e ddl: la maggioranza si schiera

Dopo le polemiche sollevate sull'incontro con la filosofa Marzano, il gruppo consiliare Pd risponde al comitato dei genitori e alla consigliera Rossi

CASTELFRANCO — Prosegue la polemica sull'incontro di alcune settimane fa con la filosofa Michela Marzano, sulla cosiddetta "teoria gender", le unioni civili, il ddl Cirinnà e altri argomenti parte del dibattito più acceso in questo periodo. A intervenire, con parole chiare, stavolta è direttamente il gruppo di maggioranza del Pd in consiglio comunale che si rivolge in particolare a un certo Comitato dei genitori e alla consigliera d'opposizione Rossi che alcuni giorni fa aveva criticato la presa di posizione della maggioranza e i metodi organizzativi dell'evento.

Ecco, di seguito, la nota integrale inviata dal gruppo consiliare del Pd "Castelfranco che cambia":

"Nei giorni scorsi, dopo il grande successo dell’incontro con Michela Marzano tenutosi al Teatro della Compagnia nella serata del 23 gennaio, sono apparsi sulla stampa locale vari comunicati che, con argomentazioni di diverso tenore, hanno riaperto la polemica sulle iniziative messe in piedi da questa Amministrazione per contrastare la violenza di genere e promuovere, in concomitanza con lo svolgersi del dibattito parlamentare sul ddl Cirinnà, il riconoscimento delle unioni civili anche fra persone dello stesso sesso.

Alle voci, variamente articolate, delle forze politiche di opposizione, si è aggiunta stavolta quella di un sedicente “Comitato genitori” che, -muovendo dall’ormai celebre nota con cui la Cassa di Risparmio di San Miniato ha precisato di non essere tra gli organizzatori dell’iniziativa – e bollando come “sfrontate” e “facinorose” le parole contenute nella nostra replica, arriva a dipingere i membri della maggioranza come individui gretti e livorosi, incapaci di ascolto e inadatti al confronto, sostanzialmente antidemocratici e addirittura responsabili di aver imposto una “dittatura soft” del pensiero volta a realizzare chissà quali nefandezze.

Ora, non sappiamo quali e quanti siano i genitori che il suddetto Comitato, di cui fino a due giorni fa ignoravamo sinceramente l’esistenza, si premura di rappresentare. Pochi o tanti che siano, non fa differenza: le porte del Comune sono aperte anche per loro, come lo sono sempre state – e sempre lo saranno – per tutti i cittadini, le associazioni o le aziende interessati a far sentire la loro voce. Siamo quindi a disposizione per un incontro ufficiale con i rappresentati del Comitato. Certo, le cose sarebbero state più facili se gli stessi ci avessero indicato un referente o un numero di telefono da contattare, ma tant’è: siamo sicuri che si siano dati un’organizzazione attraverso la quale prendere contatti con gli uffici comunali o, perché no, direttamente con il Sindaco.

Del resto, che si accusi questa Amministrazione di non saper ascoltare i propri cittadini e di impedire il dialogo e il confronto, lo troviamo un fatto quantomeno singolare. Ricordiamo in proposito che la serata del 23 gennaio, della quale rivendichiamo il successo, era totalmente gratuita e aperta a tutti. Se chi adesso ci critica avesse avuto la bontà di venire a teatro quella sera (proprio come lo stesso Sindaco ebbe quella, alcuni mesi orsono, di recarsi ad ascoltare Mario Adinolfi), sarebbe probabilmente rimasto sbalordito nel constatare che no, non si trattava affatto di un evento “a senso unico, senza contraddittorio”, né tantomeno di un tentativo di “rieducazione del popolo”, quanto piuttosto di una straordinaria occasione di confronto e di approfondimento su un tema tanto delicato da suscitare reazioni diverse in molti settori dell’opinione pubblica, anche all’interno del mondo cattolico. La gente, per fortuna, lo ha capito, partecipando in massa e riempiendo il teatro in ogni ordine di posto. È stata una bellissima serata, aperta al dialogo e allo scambio di idee, proprio com’era nelle intenzioni: prova ne sia il fatto che chi la pensava diversamente dalla Marzano è intervenuto, ha fatto domande e ottenuto risposte. Se non è disponibilità al confronto questa…

Quanto al resto, detto che rifiutiamo nettamente qualunque tentativo di strumentalizzare la presa di posizione della Carismi (i cui rapporti con il Comune sono trasparenti e noti a tutti, poiché regolati da un’apposita convenzione), ci fa sinceramente cadere le braccia l’accusa secondo la quale questa Amministrazione sarebbe impegnata ad instaurare una “dittatura” del pensiero (sia pure nella versione “soft”). Siamo convinti che una tale affermazione si commenti da sola. E tuttavia, non potendo certo accettare che si stravolga impunemente il senso delle parole, ci permettiamo di ricordare ai signori del Comitato come sempre, nella storia, le dittature si siano caratterizzate per una contrazione dei diritti, mai per una loro estensione. La quale peraltro, come oramai moltissimi italiani hanno compreso, nulla toglierebbe a chi di quei diritti ha sempre goduto.

Sul tema delle unioni civili, sul ddl Cirinnà e sull’istituto della “stepchild adoption”, si è fatta e si continua a fare molta confusione. E lo si fa deliberatamente, in maniera quasi scientifica, al solo scopo di perpetuare l’esclusione di molti dal godimento di diritti elementari. Chi ha avuto modo di informarsi sul tema, di leggere il decreto legge in questione (e magari quelle tre righe della “Buona scuola” in cui alcuni hanno creduto di individuare il diavolo in persona), ha ormai capito che non c’è alcuna “ideologia gender” da cui difendersi, nessun disegno per sovvertire l’ordine delle cose, indottrinare i bambini, abolire le differenze tra i sessi, insomma scardinare la “famiglia tradizionale”; e nessun tentativo di introdurre forme di “maternità surrogata” (che in Italia rimane un reato, come per gli etero- così per gli omosessuali). C’è solo la volontà, a nostro avviso sacrosanta, di regolamentare forme di convivenza che non solo esistono, ma che sono sempre esistite, e che è giunta l’ora vedano riconosciuta la loro dignità.

Su tutti questi temi, ne siamo certi, avremo modo di confrontarci e magari di trovare punti di contatto: restiamo pertanto in attesa di una telefonata da parte di un rappresentante del Comitato genitori. Allo stesso tempo, visto che il dibattito parlamentare va avanti, ci teniamo a ribadire che secondo noi il ddl Cirinnà va approvato nella sua forma attuale, frutto di una mediazione tra sensibilità diverse che si sono accordate rinunciando ciascuna a un pezzo del proprio “orticello”. A conferma del fatto che dal dialogo e dal confronto anche acceso possono scaturire ottimi risultati.

Nessun dialogo, invece, può essere intrattenuto con coloro i quali, mentre resuscitano schemi e linguaggi vecchi di decenni, si permettono di bollare come “capricci” le legittime rivendicazioni di chi si sente discriminato e, al solo scopo di mettere in cattiva luce l’Amministrazione, arrivano finanche a tirare in ballo persone di cui ignorano le vicende. Di fronte a tali manifestazioni d’intolleranza e ad attacchi così palesemente strumentali, il silenzio e l’indifferenza (che significa isolamento) ci paiono davvero l’unica reazione possibile.

Così come ci sembra assai arduo mantenere il dibattito entro i limiti di un confronto civile e democratico, quando lo stesso arriva a inglobare i toni e il lessico – di una gravità e di una virulenza davvero inaudite – toccati dalla consigliera Rossi durante il consiglio comunale di ieri sera. Le parole e le argomentazioni da lei adoperate contro gli omosessuali, contro gli stessi membri della maggioranza e persino contro un’associazione come Frida, da sempre al fianco delle donne vittime di violenza, oltre a denunciare una totale ignoranza dei fatti, appaiono francamente intollerabili e indegne di qualsiasi consesso democratico. “Le parole sono importanti”, sempre: ma quelle usate all’interno di un consiglio comunale lo sono ancora di più. È bene che chi le pronuncia sia pronto ad assumersene la piena responsabilità".

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità